Ambiente, PD: “Sui delitti ambientali le nuove norme sono una svolta epocale”

ecomafie  ecomafia-642x336
.
pubblicato il 27 febbraio 2014
.
“Con l’approvazione alla Camera della legge che eleva a delitti i reati ambientali – con l’inserimento nel Codice penale del disastro ambientale, dell’inquinamento ambientale, del traffico e abbandono del materiale di alta radioattività e dell’impedimento di controllo – il nostro Paese compie un nuovo e importante passo in avanti nella tutela del valore universale dell’ambiente e nella costruzione di un sistema di contrasto all’illegalità ambientale che premia di tutto le imprese che operano nel rispetto della legge.
.

Siamo orgogliosi di avere scritto oggi questa pagina positiva, fortemente voluta dal Partito Democratico, insieme al lavoro del Ministro Orlando e al contributo costruttivo anche delle forze di opposizioni, nel percorso svolto in commissione e in aula.

.

Nel primo giorno di lavoro del governo Renzi consegniamo al neo Ministro dell’Ambiente Galletti questo importante provvedimento, che dovrà ora essere accompagnato da uno sforzo altrettanto importante nella riduzione del peso della burocrazia e nel rafforzamento del sistema dei controlli ambientali per costruire una nuova stagione di sviluppo che metta finalmente l’ambiente al centro”. Lo ha detto Chiara Braga, responsabile Ambiente del Partito Democratico.

.

Per Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, “è un risultato storico e atteso da tempo il via libera al testo unificato sui delitti ambientali arrivato oggi dalla Camera, un traguardo al quale lavoro da anni. Con questo importante provvedimento sul rafforzamento dell’azione penale in ambito ambientale, nato a partire da una proposta di legge di cui ero primo firmatario (Realacci A.C. 342) e dalle analoghe proposte dei colleghi Micillo (M5S – A.C. 957) e Pellegrino (Sel – A.C. 1814), si renderà più efficace il contrasto alle illegalità e alle ecomafie, adeguando finalmente il nostro codice penale ai sempre più diffusi reati contro l’ambiente e alla normativa europea in materia (direttiva n. 2008/99/CE). Crimini che, stando al rapporto Ecomafia di Legambiente, fruttano alla malavita organizzata circa 16,7 miliardi l’anno. Tra i punti qualificanti del testo unificato l’introduzione di nuovi reati a partire da quello di disastro ambientale. Introdotti anche i delitti di inquinamento ambientale, traffico di materiale radioattivo e impedimento di controllo, l’aggravante per chi commette reati ambientali in forma associativa e del ravvedimento operoso, le disposizioni per la confisca del profitto generato dal reato ambientale e l’obbligo al ripristino dei luoghi in caso di condanna o patteggiamento. Mi auguro che il testo unificato licenziato oggi dalla Camera venga approvato rapidamente dal Senato perché rappresenta un passo avanti importante nella lotta contro le ecomafie e le illegalità”.

.

“Grande soddisfazione” per l’approvazione da parte della Camera della nuova legge sui reati ambientali è stata espressa da Alfredo Bazoli, relatore del provvedimento. Bazoli aggiunge che “le nuove norme, che introducono nel codice penale quattro nuovi reati – disastro e inquinamento ambientale, traffici di rifiuti ad alta radioattività e impedimento dei controlli – erano attese da 20 anni e garantiscono finalmente un sistema in grado di tutelare l’ambiente, contrastare l’illegalità e premiare le imprese che operano nel rispetto della legge”.

.

“Le nuove norme sui delitti ambientali erano attese da tempo perché rappresentano una svolta epocale”. Così l’onorevole Alessandro Bratti nella dichiarazione di voto del Gruppo sul ddl approvato dalla Camera: “I nuovi quattro reati introdotti nel codice penale – disastro ambientale, inquinamento ambientale, rifiuti ad alta radioattività e impedimento dei controlli – introducono una riforma di civiltà. Ora è necessario – aggiunge – che il parlamento dia il via libera velocemente anche ad una legge collegata, cioè quella sulla revisione delle agenzie ambientali perché in questo modo si potranno davvero sostenere le imprese migliori e di qualità e al contempo si potrà davvero evitare che lo Stato sia derubato dall’economia nera che oggi affligge il nostro Paese”.


One Comment on “Ambiente, PD: “Sui delitti ambientali le nuove norme sono una svolta epocale””


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...